Gak - Newsletter #14 : NEA


Gak - Newsletter #14
NEA

08 Marzo 2005


Torna all'elenco delle newsletter


Ciao a tutti!

Purtroppo Giove pluvio non è stato dalla nostra parte, venerdì 4 marzo, impedendoci di tentare l'osservazione del fly-by della sonda Rosetta che, come previsto e con puntualità cronometrica, è passata a soli 1954 km dalla Terra ad una velocità relativa di 38000 kmh! Nel passaggio, Rosetta ha fatto un utile allenamento, scattando fotografie della Luna e della Terra. Sul sito Internet dell'ESA (http://www.esa.int/esaCP/SEMV5LD3M5E_FeatureWeek_0.html) sono giàdisponibili alcune delle immagini più interessanti.

Tornando al maltempo, inconvenienti come questo sono comuni per l'astronomo e l'astrofilo, che da sempre devono metterli in preventivo quando effettuano le loro osservazioni. Nel nostro caso, la delusione è stata relativa: infatti, come già riportato nella Newsletter #13, Rosetta effettuerà un secondo fly-by della Terra nel novembre 2007 e un terzo nel novembre 2009, concedendoci un altro paio di occasioni per osservarla. La storia dell'astronomia è invece piena di delusioni di molto maggiore portata.
Ad esempio, nel 1761 la comunità astronomica mondiale si mobilitò per osservare il transito di Venere sul Sole, nell'occasione visibile solo da località dell'emisfero australe. Infuriava allora la Guerra dei Sette Anni, un vero e proprio conflitto mondiale, e gli scienziati dovettero affrontare lunghi viaggi per mare per raggiungere luoghi adatti all'osservazione, durante i quali ai "normali" pericoli delle traversate oceaniche si sommarono quelli di finire sotto il tiro dei cannoni delle navi nemiche!
Immaginate perciò il disappunto dell'astronomo britannico Nevil Maskelyne che, dopo aver viaggiato fino all'isola di Sant'Elena, vide i suoi sforzi vanificati dal brutto tempo!


NEA - Near Earth Asteroids


Durante l'incontro in aula di venerdì 4 marzo, discutendo dei vari oggetti che popolano il sistema solare, abbiamo parlato dei Near-Earth Asteroids, o NEA, ossia di quegli asteroidi che, percorrendo le loro orbite, transitano in prossimità della Terra.
Questi corpi sono stati raggruppati in tre "popolazioni" che prendono il nome da altrettanti asteroidi, rappresentanti tipici di ognuna: Aten, Apollo ed Amor. Gli Aten e gli Apollo hanno parte dell?orbita all?interno di quella terrestre ma periodo orbitale, rispettivamente, minore o maggiore di un anno.
Gli oggetti tipo Amor, invece, hanno orbite completamente esterne a quella terrestre ma distanza al perielio minore di 1,3 unità astronomiche (UA).
Al termine del 2004 la popolazione dei NEA ammontava a 3037 oggetti, dei quali 246 oggetti tipo Aten, 1461 tipo Apollo e 1330 tipo Amor.

I NEA in grado di avvicinarsi alla Terra a distanze inferiori a 0,05 UA (ovverosia circa 7,5 milioni di chilometri) e aventi diametro maggiore di 150 metri sono classificati come "Potentially Hazardous Object" (PHO), oggetti potenzialmente pericolosi. Ad oggi, sono classificati PHO 599 corpi.

Essi sono tenuti sotto stretta osservazione da parte di numerosi strumenti sia a Terra che in orbita, spesso appositamente costruiti, allo scopo di determinarne accuratamente l'orbita e di consentire di prevedere con congruo anticipo eventuali incontri... sgradevoli!


Armageddon?


Quali possono essere gli effetti di una collisione con un asteroide? A parte citare film catastrofici o ricordare l'estinzione dei dinosauri (presumibilmente dovuta ad un evento di questo tipo), o ancora rimandare alle numerose "cicatrici"che il nostro pianeta (o la Luna, in modo ben più evidente per la mancanza dell'azione levigatrice dell'atmosfera) ancora presenta, ci limitiamo qui a dare un'idea quantitativa calcolando approssimativamente la quantità di energia che si sprigionerebbe all'impatto di un PHO.

L'energia, come noto, è la capacità di un corpo di compiere lavoro. Un corpo in movimento possiede tale capacità in virtù della sua energia cinetica, pari alla metà del prodotto della sua massa per il quadrato della sua velocità.
Supponiamo che il corpo in questione abbia forma sferica, un diametro di 150 metri (come il più piccolo dei PHO) e una densità (dedotta dalle stime più recenti sulla composizione di questi corpi) di 3 grammi a centimetro cubo, ossia 3 volte quella dell'acqua. Con un facile calcolo si può verificare che la massa di tale corpo è di circa 5.3 milioni di tonnellate!

Quanto alla sua velocità, per semplicità (ma facendo un'ipotesi realistica) assumiamola pari alla velocità con la quale la Terra percorre la sua orbita intorno al Sole, cioè alla lunghezza dell'orbita terrestre divisa per il tempo impiegato a percorrerla.
Dato che tale orbita è pressoche circolare di raggio 1 UA (150 milioni di chilometri circa) e viene percorsa in un anno, la velocità media - vi lascio fare i calcoli, ricordandovi solo di utilizzare unità di misura coerenti! - risulta pari a circa 30 km/s. Moltiplicando dunque la massa del corpo per il quadrato della velocità e dividendo per due, otteniamo 2.4 miliardi di miliardi di Joule.

Che vuol dire? E' poco o tanto? Cerchiamo di riportare questo numero in termini..."terra-terra" paragonandolo a qualcosa di noto.

Quando si parla di bombe atomiche, si è soliti (per "tradizione" storica) misurare l'energia che esse possono sprigionare in termini di quante tonnellate di tritolo servirebbero per ottenere la stessa energia. Una tonnellata di tritolo è in grado di sprigionare circa 4.18 miliardi di Joule. Un "kilotone"è l'energia equivalente a 1000 tonnellate di tritolo, un "Megatone" è l'energia equivalente a 1 milione di tonnellate di tritolo.
Di conseguenza l'energia del "nostro" asteroide che impatta la Terra ammonta a circa 570 Megatoni.

Essa corrisponde a 30 bombe atomiche come quella che distrusse Hiroshima nel 1945 (da circa 20 kilotoni), e all'incirca alla stessa energia liberata nel grande terremoto (ottavo grado della scala Richter) che nel 1906 devastòSan Francisco e la California, negli Stati Uniti! E, ricordiamolo, questo nel caso del più piccolo dei PHO...

Appuntamento alla prossima Newsletter, oppure al prossimo incontro GAK venerdì
18 Marzo alle ore 18:30.

Se volete approfondire questo o altri argomenti, iscrivetevi al forum sul
sito del GAK: http://gak.it


Torna all'elenco delle newsletter