Astrobiologia: l’equazione di Seager, le “firme biologiche” e le nane rosse

Astrobiologia: l'equazione di Seager, le “firme biologiche” e le nane rosseAl MIT, Sara Seager offre un nuovo approccio all’equazione di Drake scegliendo non di cercare la vita intelligente, bensì la presenza della vita stessa
È una decisione brillante perché stiamo entrando in un’epoca in cui saremo in grado di esaminare l’atmosfera di pianeti potenzialmente abitabili orbitanti intorno alle piccole stelle nane di classe M.

Non solo è in orbita il telescopio spaziale TESS (Transiting Exoplanets Survey Statellite) ma presto avremo (non prima del 2018 ndt) anche il JWST (James Webb Space Telescope) e, entro l’anno, l’europeo GAIA. Se TESS o GAIA possono trovare pianeti candidati attorno alle stelle, JWST può studiarli per scoprire se le firme biologiche dei gas che segnalano la presenza di vita sono presenti.

Continua la lettura su Il tredicesimo cavaliere:
Astrobiologia: l’equazione di Seager, le “firme biologiche” e le nane rosse

Roberto Flaibani

Categoria: News astronomiche » permalink, shortlink
Keywords: , , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *