Tutta la superficie di Mercurio, o quasi…

La mappa di Mercurio scattata dalla sonda Messenger
La mappa di Mercurio in falsi colori scattata dalla sonda Messenger

Sapevate che prima dell’arrivo della sonda Messenger nel 2011, Mercurio era mappato solo al 40% ad opera della sonda Mariner 10 arrivata sul piccolo pianeta roccioso nel lontano 1964 ?
Grazie alla sonda NASA MESSENGER (MErcury Surface, Space ENvironment, GEochemistry and Ranging) lanciata il 3 Agosto 2004, finalmente è stato possibile mappare in maniera completa Mercurio. Oltre alle fotografie a largo campo, sono state scattate migliaia di foto in alta risoluzione della superficie, fino ad arrivare a mappare il 99% della superficie con un dettaglio di 200 metri per pixel.

La NASA ha prodotto anche un video del pianeta con le immagini in falsi colori, visibile qui sotto:

Per maggiori informazioni ed approfondimenti:

Questa voce è stata pubblicata in Missioni spaziali. Contrassegna il permalink.

Informazioni sull'autore: Gian Luigi Somma

Gian Luigi è un ingegnere aerospaziale e astronautico. Nella sua carriera ha lavorato in progetti con l'agenzia spaziale europea (ESA), l'agenzia spaziale tedesca (DLR) e con l'Università di Southampton, dove attualmente svolge ricerca nel campo dei detriti spaziali. Nel 2003 si è unito al GAK del quale ne ha raccolto l'eredità, trasformandolo in un portale di astronomia e astronautica e promuovendo queste scienze tramite star party, corsi e conferenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.