Un assaggio d’immensità

 Un assaggio d'immensitàGalileo rimase stupito e ammirato, quando si accorse con il suo piccolo cannocchiale che le stelle in cielo erano molte più di quelle che poteva vedere a occhio nudo. Nei quattro secoli trascorsi da allora, lo sviluppo della tecnologia ha reso i telescopi sempre più potenti. Di conseguenza, è aumentata in misura impressionante la quantità di stelle osservabili e la densità dei campi stellari visibili in un’unica immagine.

Unendo 1200 immagini individuali, Guisard ha assemblato un mosaico della regione centrale della Via Lattea, in cui compaiono insieme alcune delle nebulose più note, ammassi globulari, i densissimi campi stellari del Sagittario, le nubi oscure che affollano il piano galattico e, più in là, la magnifica regione di Antares e Rho Ophiuchi. L’immagine finale è un mastodontico “lenzuolo” che misura 24.000 x 14.000 pixel e contiene […]

Continua la lettura su Memoria dello Spazio:
Un assaggio d’immensità

Michele Diodati

Questa voce è stata pubblicata in News astronomiche. Contrassegna il permalink.

Informazioni sull'autore: Gian Luigi Somma

Gian Luigi è un ingegnere aerospaziale e astronautico. Nella sua carriera ha lavorato in progetti con l'agenzia spaziale europea (ESA), l'agenzia spaziale tedesca (DLR) e con l'Università di Southampton, dove attualmente svolge ricerca nel campo dei detriti spaziali. Nel 2003 si è unito al GAK del quale ne ha raccolto l'eredità, trasformandolo in un portale di astronomia e astronautica e promuovendo queste scienze tramite star party, corsi e conferenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.