Lo sputnik 1, il primo satellite artificiale [14 Dic. – Calendario dell’avvento]

Buongiorno a tutti, oggi nel calendario astronomico dell’avvento parliamo del satellite che ha inaugurato l’era spaziale: lo Sputnik.
Lo Sputnik 1 (in cirillico Спутник, “Compagno di viaggio” o “Satellite”) fu il primo satellite artificiale in orbita intorno alla Terra nella storia. Venne lanciato il 4 ottobre 1957 dal cosmodromo di Baikonur, nell’odierno Kazakistan, grazie al vettore R-7 (Semyorka). In russo la parola Sputnik significa compagno di viaggio, inteso come satellite in astronomia.

Gli strumenti a bordo dello Sputnik 1 rimasero funzionanti per 21 giorni. Infine, esso bruciò durante il rientro in atmosfera il 3 gennaio 1958 dopo circa 1.400 orbite e 70.000.000 km.

Lo sputnik 1, il primo satellite artificiale

Lo Sputnik 1 aveva lineamenti ben più semplici di un satellite artificiale odierno: era infatti formato solo da una sfera pressurizzata di alluminio di 58 cm di diametro, contenente due trasmittenti, una serie di batterie zinco-argento e un termometro; da questo corpo centrale si dipartivano 4 antenne lunghe circa 2,5 metri.

Grazie anche alla disponibilità di missili tedeschi V2, recuperati alla fine della Seconda guerra mondiale, il programma Sputnik dell’Unione Sovietica ebbe inizio nel 1948, quando si intuì la possibilità di modificare missili militari in vettori per il lancio di satelliti. L’annuncio del successo del lancio venne dato da Radio Mosca la notte tra il 4 e il 5 ottobre 1957. Con il lancio dello Sputnik 1 l’Unione Sovietica prese in contropiede gli Stati Uniti, che solo il 31 gennaio 1958 mandarono in orbita il loro primo satellite: l’Explorer 1.

Potrebbero interessarti anche :

Categoria: Multimedia » permalink, shortlink
Keywords: , , , , , , , .

3 risposte a Lo sputnik 1, il primo satellite artificiale [14 Dic. – Calendario dell’avvento]

  1. Pingback: Il nostro satellite naturale: la Luna | GAK.it

  2. Pingback: Calendario astronomico dell'avvento | GAK.it

  3. Pingback: La Ring Nebula M57 | GAK.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *