Le estreme profondità galattiche di XDF

Le estreme profondità galattiche di XDFNel 2004 era stata diffusa un’immagine chiamata Hubble Ultra Deep Field (HUDF), cioè campo ultraprofondo di Hubble. Era il risultato di un milione di secondi di tempo di osservazione del telescopio spaziale Hubble, puntato su una minuscola porzione di cielo nella costellazione della Fornace, grande quanto una frazione di luna piena. In quell’immagine si potevano osservare migliaia di galassie di ogni forma, dimensione e stadio evolutivo, risalenti fin quasi alle origini dell’Universo.

Oggi Hubble si ripete, con un’immagine ancora più profonda e dettagliata della stessa porzione di cielo, anzi ancora più piccola. La nuova immagine si chiama eXtreme Deep Field, ovvero campo estremamente profondo, o più semplicemente XDF, in omaggio alla brevità e all’amore infinito degli anglosassoni per le sigle.

Continua la lettura su Memoria dello Spazio:

http://www.memospazio.it/le-estreme-profondita-galattiche-di-xdf

Michele Diodati

Categoria: Astronomia » permalink, shortlink
Keywords: , , , , , .

Informazioni sull'autore: Gian Luigi Somma

Gian Luigi è un ingegnere aerospaziale e astronautico. Nella sua carriera ha lavorato in progetti con l'agenzia spaziale europea (ESA), l'agenzia spaziale tedesca (DLR) e con l'Università di Southampton, dove attualmente svolge ricerca nel campo dei detriti spaziali. Nel 2003 si è unito al GAK del quale ne ha raccolto l'eredità, trasformandolo in un portale di astronomia e astronautica e promuovendo queste scienze tramite star party, corsi e conferenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.