Atterrata la Soyuz: i tre astronauti dell’Expedition 31 tornano a casa

Atterrata in Kazakistan la Soyuz con la expedition 30/31Alle ore 10:14 italiane (08:14 UT) nella steppa del Kazakistan è atterrata la Soyuz TMA-03M con a bordo i tre astronauti Oleg Kononenko, André Kuipers e Don Pettit.

I tre astronauti sono stati nello spazio per ben 193 giorni. Per circa 6 mesi essi hanno prestato servizio a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) come parte dell’equipaggio (Expedition 30/31). Attualmente la ISS ha ben 6 astronauti a bordo che arrivano in orbita su più voli di Soyuz, portando al massimo tre nuovi astronauti ad ogni volo (essendo ormai lo shuttle andato in pensione e la capsula Dragon ancora in versione unmanned).

Profilo di rientro di una SoyuzLa fase finale del rientro della capsula consiste nell’apertura dei paracadute e in una breve frenata con dei retro razzi a pochi metri dal suolo. Successivamente gli astronauti aspettano l’equipaggio di terra che li aiuta ad uscire  dalla capsula; procedura standard per chi, dopo oltre sei mesi di permanenza nello spazio, torna a sentire la “gravità” del proprio peso nel giro di pochi minuti in cui tra l’altro si subiscono anche forti accelerazioni dovute al violento rientro in atmosfera.

Dopo i primi accertamenti medici sul posto, i tre astronauti sono stati condotti, come da routine, in un ospedale attrezzato per verificare la loro buona salute.

Ed ecco qui sotto il video dell’atterraggio e dell’estrazione dei tre astronauti:

Categoria: Missioni spaziali, News astronomiche » permalink, shortlink
Keywords: , , , , , .

Informazioni sull'autore: Gian Luigi Somma

Gian Luigi è un ingegnere aerospaziale e astronautico. Nella sua carriera ha lavorato in progetti con l'agenzia spaziale europea (ESA), l'agenzia spaziale tedesca (DLR) e con l'Università di Southampton, dove attualmente svolge ricerca nel campo dei detriti spaziali. Nel 2003 si è unito al GAK del quale ne ha raccolto l'eredità, trasformandolo in un portale di astronomia e astronautica e promuovendo queste scienze tramite star party, corsi e conferenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.